Cominciano con il grande Danielino77 le interviste di 10ml.it ai più noti vape reviewers.
Avremmo scommesso che la simpatia di Danielino sarebbe venuta fuori anche in un’intervista, e così è stato.

La prima domanda è d’obbligo in questo settore: da quanto svapi e quante sigarette fumavi prima di passare allo svapo?
Svapo dal Dicembre 2010 e purtroppo arrivavo da una media di 2 fino a 4 pacchetti di sigarette al giorno. Ho DOVUTO smettere.

Per il canale recensisci tutto, come è giusto e utile che sia, ma in privato, che tipo di svapatore sei? Da guancia? Polmonare, o alterni le tue tipologie di svapo?
Vado a periodi, il tiro di guancia con cui ho iniziato non l’ho mai abbandonato, ma quando sono a casa o nel week end svapo anche di polmone (molto dipende dall’ambiente in cui mi trovo, da quanto vapore posso permettermi di fare e dai periodi della giornata, ma fondamentalmente entrambe le modalità d’utilizzo).

Svapi liquidi tabaccosi, cremosi o fruttati?
Cremosi e fruttati, ma di guancia ci sono alcuni tabaccosi aromatizzati che amo molto; quello che il mio gusto non sopporta sono i tabacchi scuri ed affumicati. Il nemico pubblico numero uno per quanto mi riguarda è il Latakia (che non amo né sono in grado di giudicare, ad oggi) ma sono gusti xD

Sei da tank o da dripper?
Dripper solo in Bottom Feeder (sia da guancia che da polmone), ma utilizzo spesso anche i Tank; quando si provano centinaia di prodotti si tende a variare molto, devo farlo per forza per farmi un’idea completa di questo o quel sistema e relativi paragoni tra essi.

Passiamo adesso a un’altra questione che è spesso oggetto di discussione nel mondo dello svapo: lo svapo meccanico. Non pensi, come pensiamo noi di 10ml.it, che svapare in meccanico sia esporsi a un rischio inutile, visto soprattutto che la maggior parte delle nuove mod, anche entry level, prevedono il by-pass mode (il quale comunque ha delle protezioni in caso di corto)?
Potrei dirvi che lo svapo è nato in meccanico (intendo quello che non sia entry level) ma tanto tempo fa così come oggi richiede una competenza che il 90% delle persone che svapano non hanno (o non hanno voglia od esigenza di avere). Può essere molto pericoloso ma anche molto soddisfacente, dipende da cosa si vuole, da cosa si cerca o da cosa si desidera avere il tempo di approfondire. Vero è che nel 2018 esistono talmente tanti prodotti che per la gran parte dei Vapers addentrarsi senza voglia o tempo da dedicare allo Svapo in meccanico è un rischio inutile che non vale i risultati che dà. Una cosa è certa, molti associano lo Svapo in meccanico ad un limite da superare e conosco persone, anche di sedicente o conclamata esperienza, che non hanno idea di cosa voglia dire svapare in meccanico (lo dimostra la lava che esce dai loro atomizzatori che uccide ed annega il gusto). Ponetevi questa domanda: per quale motivo verso il 2011 sono nati i circuiti?

In Italia si parla molto poco del DIY reciping, ovvero di quella tendenza piuttosto diffusa in america a preparare ricette sia cloni di liquidi noti che ricette originali, frutto di mix di aromi. Secondo te come mai lo stivale, la patria della cucina, non vede gli svapatori “cucinarsi” i liquidi da soli?
Tuttaltro, ci sono molte persone che sono dedite al DIY anche se sono ovviamente il 5% dei Vapers italiani; il problema è che tutti o quasi tutti, hanno la fretta di arrivare al risultato. Ce l’ha chi insegue la fama, ce l’ha chi prepara liquidi, ce l’ha chi decide di addentrarsi nel mondo della rigenerazione, ce l’hanno tutti. Le nozioni vanno assorbite gradualmente, i test vanno fatti attraverso un procedimento, altrimenti il risultato è veloce e pessimo. Preparare liquidi con cognizione di causa richiede prove e prove (non a caso abbiamo impiegato diversi mesi a preparare i miei liquidi). Ciò che spesso capita è la fretta di arrivare al risultato e di conseguenza: o il risultato è pessimo e i Vapers sono costretti ad accontentarsi, oppure passano velocemente al mercato dei liquidi pronti dichiarandosi non idonei al DIY.

Passiamo alla tua attività di e-liquid mixer. A quale dei tuoi liquidi sei più affezionato?
Senza dubbio il Round; è stato il primo, ha una longevità che ha superato ogni aspettativa, è sul mercato da un anno e mezzo ed ancora è apprezzatissimo (e non succede quasi mai visto che ogni liquido ha una vita abbastanza breve di pochi mesi). E’ anche vero però che con il Nope ho realizzato un vecchio obiettivo, un liquido al Pistacchio (che è una delle tipologie di gusto più difficili da realizzare) che sapesse effettivamente di gelato al Pistacchio.

Non vogliamo sapere gli ingredienti (vorremmo, ma sarebbe sgarbato chiederteli) ma almeno dicci se hai usato aromi delle principali marche in commercio come Flavourart, Capella, The flavor aprentice, Flavor west ecc.
Solo in parte, ci sono moltissimi aromi che non arrivano dall’industria del Vaping ed è proprio di quelle “chicche” che vado alla ricerca insieme ai ragazzi di SuperFlavor. Ovviamente però, esempio, su 20 aromi poco meno della metà sono di Brand che operano nel settore del Vaping.

Il tuo canale è uno dei più visitati su youtube. Quale credi che sia la ragione?

A – Cosa recensisci

B – La poltrona di Ivanzeta

C – Perché sei tanto, troppo “giovane”

Le ragioni secondo me sono molteplici: sono uno dei Vapers di Youtube con il passato storico più lungo e spesso questo significa esperienza e background; non sono mai stata una persona a cui piace tutto e sono sempre partito dal presupposto che tutto ha almeno un difetto; il modo di parlare la mia lingua che sì, per ovvi motivi di pubblico spesso è variegata da inflessioni MOLTO romane, ma che in un modo o nell’altro ha l’obiettivo di essere comprensibile ad un ragazzo di 20 anni come ad una persona di 80… E poi ovviamente le Live con Ivanzeta sono diventate un must (il motivo non è solo la competenza, il motivo è l’amicizia che ci lega che si repira quando discutiamo).

PS: Non ditelo a nessuno, ma mi stupisco ogni mattina di quanto io sia giovane xD

Guardi altri canali di svapo, italiani o internazionali?
Nessun canale italiano se non il mio dopo aver montato un video; alcuni internazionali ma di rado (Es. Mike Vapes o Grimm Green). Faccio un utilizzo di YouTube abbastanza strano ed è estremamente difficile che io mi affezioni a persone o personaggi che arrivano dal web (in ogni ambito o settore).

Riesci a fare tutto da solo, o qualcuno ti aiuta nella post-produzione e nelle relazioni con le aziende cinesi?
Purtroppo o per fortuna, non c’è mai stato né c’è nessuno che mi aiuta; rispondo alle mail, parlo con le aziende, rispondo al pubblico, giro e monto i video. Ammetto che avendo un lavoro “normale” durante la settimana, gestire tutto da solo la sera o nel week end è estremamente impegnativo e difficile, ma anche soddisfacente (se vuoi una cosa fatta bene, te la devi fare da solo). Non so se tutto continuerà ad essere così, oggi è così.

Cosa pensi della moda delle Pod-mod?
Penso che siano una moda ma che sia una moda destinata a durare per un motivo in particolare: il mercato entry level vuole cose semplici, immediate, piccole e poco appariscenti che però raggiungano l’obiettivo. Spero che quel tipo di mercato venga sviluppato anche verso strade diverse dai Sali di Nicotina (è per essi che è nato in America il mercato delle Pod Mod, ma evidentemente molti non l’hanno ancora capito). Ogni 10 prodotti che escono, almeno 8 sono destinati a quell’utilizzo e vengono adattati con scarsi risultati alle nostre tipologie di liquidi. Sono comunque convinto che le Pod Mod si evolveranno nel prossimo futuro prescindendo dal “carburante” che le alimenta e penso che quando questo succederà le Pod Mod smetteranno di essere una moda e diventeranno Sigarette Elettroniche.

Hai già provato la nicotina in acqua, pensi che abbia senso come strada?
L’ho provata ed è una parte del mercato dei liquidi che ha il suo senso nello stretto utilizzo; ma penso anche che sia pericolosa in modo particolare ad alte concentrazioni: se messa nelle mani di persone inesperte diventa estremamente rischiosa, se la preparazione invece viene affidata a chi la vende al pubblico, diventa illegale. Ho visto coi miei occhi stappare boccette di Nicotina in acqua ad alte concentrazioni coi denti o a mani nude e se nel passato abbiamo parlato di tubi meccanici che esplodono, non vorrei mai vedere esempi di avvelenamento derivanti da essa. Tuttavia, sono comunque d’accordo sul fatto che è una strada perseguibile e soddisfacente per ottenere alcuni risultati che altrimenti diventerebbero molto più costosi.

Per finire, hai voglia di consigliare agli svapatori due errori da non fare e due trucchi per svapare al meglio?
Due errori da non fare: 1. Non credere mai a tutto ciò che vi viene detto riguardo qualcosa, è il proprio cervello che va utilizzato quando si sceglie un prodotto non quello degli altri. 2. Per svapare bene non serve spendere centinaia di euro in decine di prodotti che di diverso hanno solo la forma.

Due trucchi per svapare bene: 1. Il prodotto che vi piace è quello che funziona meglio 2. Se dovete spendere dei soldi, non spendeteli in 50 atomizzatori o box diverse che fanno la stessa cosa, spendeteli in liquidi o aromi, quantomeno spendete i vostri soldi per provare qualcosa di diverso che vi dia sensazioni REALMENTE diverse.

…e come sempre come al solito… il resto è su YouTube xD

Previous post

Geekvape Zeus Dual RTA - Recensione

Next post

This is the most recent story.

admin